...luogo di pietra e folletti

Nei secoli passati il mulino non era solo un luogo dove si macinava il grano, ma anche un luogo d'incontro e di socializzazione: un luogo attorno al quale ruotava la vita di tutta la comunità con le sue tradizioni, le credenze e i suoi rituali. In tutta la tradizione molitoria europea, ed anche in quella romagnola e Poggio Torrianese, si tramanda che spesso di notte, quando il mulino era a riposo, le macine si mettevano in movimento da sole e si credeva fossero azionate dai folletti che macinavano il grano per sé e per le fate. Inoltre, un po' ovunque, il mugnaio era considerato persona poco raccomandabile e di cui non ci si doveva fidare; a questo proposito la tradizione popolare ha tramandato molti canti, ballate e storielle che raccomandano alle donne di non andare dal mugnaio.

E mi muloin - Video di Casadei Marco, testo e montaggio Fabio Mazzotti

Orario Apertura

Lunedì, mercoledì, giovedì dalle 15,30 alle 18,30 Martedì, venerdì e sabato dalle 9,30 alle 12,30           La domenica apertura straordinaria a cura dell'Associazione Gli Amici del Mulino Sapignoli dalle 15 alle 18


Link utili

I nostri Partner